Lunedì 9 dicembre sarà consegnata a Maria Francesca Merloni “La Chiave dell’Unione”




“Per la capacità e l’intuizione mostrate nel collegare le potenzialità del territorio ai valori etici, sociali e imprenditoriali, favorendo così la creazione di eccellenze culturali italiane che ben si riconoscono nella missione della Unione”. Con questa motivazione, la Giuria e il Comitato d’Onore de “La Chiave dell’Unione” hanno deciso di attribuire il riconoscimento annuale 2019 a Maria Francesca Merloni.  Nata a Roma, dove ha conseguito la laurea in Scienze Politiche presso la LUISS – Libera Università Internazionale degli Studi Sociali Guido Carli, Maria Francesca Merloni dopo studi in Scienze Politiche e Comunicazione d’impresa, e una carriera nell’ambito della comunicazione per grandi strutture industriali, ha seguito la sua profonda vocazione poetica spaziando tra varie discipline, dalla contaminazione delle espressioni artistiche all’unione tra poesia e musica. Dopo gli eventi sismici che hanno gravemente colpito l’Italia centrale nel 2016, ha profuso le sue energie nel progetto Ri­nasco, le Città per l’Appennino. Nel luglio 2017 la città di Fabriano è stata animata da incontri e tavole rotonde basati sui temi di arte, patrimonio, progetti per una rinascita so­stenibile dopo il sisma del 2016. Proprio per il suo impegno nella promozione della creatività come vettore di sviluppo sociale, culturale ed economico, il 4 ottobre 2017 presso il quartier generale UNESCO di Parigi è stata insignita del titolo di Ambasciatrice di Buona Volontà UNESCO per le Città Creative.
“La Chiave dell’Unione”, che nella precedente edizione è stata consegnata al fisico Roberto Cingolani, vuole raccogliere la “raccomandazione del Consiglio d’Europa” nell’intento di allargare i confini delle “competenze imprenditoriali, sociali e civiche, anche orientate al valore della sostenibilità” e di dare una “forte accelerazione verso la dimensione della complessità”. Essa viene assegnata a personalità italiane appartenenti al mondo della cultura, della scienza, dell’economia che con il loro agire abbiano aperto e solcato un percorso innovativo tale da contribuire al progresso del Paese in una dimensione etica e sociale coniugabile con le finalità della UISI.
La cerimonia di premiazione de “La Chiave dell’Unione” si terrà lunedì 9 dicembre, nella tradizionale sede fiorentina di Palazzo Incontri, nel corso della Cena degli Auguri dedicata agli Associata e agli Amici dell’associazione inserita nell’Incontro d’Inverno.