pambiamco 3Mercoledì 16 dicembre, in diretta streaming da Palazzo Mezzanotte, si è tenuta la 15esima edizione del Premio Pambianco leQuotabili 2020 che ha premiato le aziende dei settori Fashion, Beauty, Design e Wine. L’analisi condotta si pone l’obiettivo di individuare le società italiane che possiedono le caratteristiche economiche, finanziarie e di posizionamento, per essere quotate in Borsa con successo in un orizzonte temporale di 3/5 anni.

Nella categoria wine, il nostro Associato Marchesi Antinori 1385 di Firenze ha conquistato la prima posizione nella classifica generale, precedendo Frescobaldi e Santa Margherita. Antinori, impresa centenaria giunta alla ventiseiesima generazione aziendale, nel 2019 ha ottenuto 246 milioni di ricavi. Ha 400 dipendenti fissi, che salgono a 900 durante la vendemmia. “Il 2020 è stato un anno difficile e pensiamo di chiudere tra -15 e -20%, a seconda di come andrà il Natale. In ogni caso, i grandi vini sono rimasti al centro dell’interesse e quelli più accessibili sono stati premiati in grande distribuzione. Hanno faticato i vini medi, quelli più legati alla ristorazione, ma l’esplosione dei consumi durante il periodo estivo ci ha dato coraggio e ci fa sperare per il 2021”, ha affermato Albiera Antinori, presidente di Marchesi Antinori.

Tra gli altri riconoscimenti del Premio leQuotabili 2020, spicca la seconda posizione raggiunta dall'altro nostro Associato Officina Profumo-Farmaceutica di Santa Maria Novella 1612 di Firenze nella categoria settore Beauty per le aziende con fatturati sotto i 50 milioni di fatturato, dietro a VeraLab (Estetista Cinica) e davanti Nashi Argan.

La diretta streaming dell'vento è stata seguita da oltre 11mila persone. “Siamo orgogliosi  – commenta il CEO David Pambianco – di poter presentare la 15° edizione di questa pubblicazione che, oggi, è considerata un punto di riferimento importante per gli operatori dei settori analizzati. Sempre di più, infatti, aggiudicarsi il premio Pambianco leQuotabili significa per le imprese avere una certificazione della propria capacità di produrre valore. Quest’anno, inoltre, abbiamo voluto ampliare la ricerca andando ad analizzare anche le small cap, raccolte in ranking dedicati. Questa innovazione vuole ulteriormente valorizzare la capacità del nostro Paese di dare spazio anche a aziende che, seppur piccole in termini dimensionali sanno esprimere eccellenza e carattere”.

 www.panbianconews.com